Ad un mese dalla beatificazione di Paolo VI la FUCI desidera dedicare al beato Giovanni Battista Montini, uno spazio privilegiato per riscoprire la sua figura di umile testimone del Vangelo e della Chiesa.

Dal 1925 al 1933 Giovanni Battista Montini fu Assistente Centrale della F.U.C.I., egli consacrò il suo ministero sacerdotale e pastorale alla cura delle giovani generazioni di studenti universitari non rifuggendo dalle complesse sfide della contemporaneità. Don GB, come i fucini erano soliti chiamarlo, individuò l’università come luogo di maturazione delle coscienze e di coltivazione della propria vocazione personale, luogo di autentica formazione. Ricerca della Verità, carità intellettuale e stile di mediazione: questi tre doni Giovanni Battista Montini pose nelle mani dei suoi studenti universitari, doni che oggi la FUCI vuole mettere a frutto nella propria missione quotidiana nelle università.

Ripartire dalla testimonianza luminosa del Beato Paolo VI, attraverso lo studio dei suoi scritti, l’approfondimento della sua spiritualità e del suo carisma vuole essere un’esortazione a metterci in ascolto del Vangelo per abitare la Chiesa e l’Università con “umiltà e  lungimiranza dello sguardo”.

“L’insegnamento universitario conduce l’allievo alle fonti della verità. Il Professore più autorevole è quello che meno esercita l’argomento d’autorità; è il Maestro che pone fine alla sua funzione di intermediario […]