Perche' andare a Camaldoli - Testimonianza di un'esperienza autentica

Ogni volta che provo a spiegare cosa sono le settimane della FUCI a Camaldoli non posso fare altro che pensare a cosa, ogni anno, mi convince ad inserire nel mio calendario estivo questo appuntamento.

Quando si parte per la settimana di Camaldoli, di solito, le aspettative di ognuno sono le più diverse: chi sente la necessità di prendersi del tempo per sé, chi ha l’idea di ritrovarsi con ragazzi che hanno voglia di confrontarsi oppure, ancora, chi cerca un luogo tranquillo per avvicinarsi al Signore. In tutti questi casi, nessuno mai immagina cosa in realtà succederà, nessuno mai realizza pienamente quanto l’esperienza di Camaldoli possa davvero cambiarci dentro… perché è proprio questo che alla fine succede!

Questa esperienza si presenta come un cocktail di elementi che rendono piena di meraviglia la convivenza. Dire che si tratta soltanto di uno degli appuntamenti nazionali della FUCI sarebbe riduttivo. Queste settimane consistono nella più grande forma di esercizio di vita fucina. Camaldoli, per la vita monastica, per la sua storia, che lascia tracce indelebili nella storia fucina, ma anche italiana, e per la sua posizione decentrata, la quiete della natura che lo circonda, contribuisce ad un clima tranquillo e di riflessione nel quale si sente a volte il bisogno di immergersi, molto diverso rispetto a quello frenetico e rumoroso cui siamo abituati nella nostra quotidianità. A questa ambientazione e a questi ritmi particolari, la FUCI aggiunge del suo, conciliando insieme spirito e ricerca, e crea così un’esperienza non solo piacevole e rassicurante, ma anche stimolante e curiosa per ogni tipologia di universitario.

Le settimane di Camaldoli da ogni punto di vista mostrano aspetti di ciò che noi cerchiamo e scegliamo per la nostra vita universitaria. I momenti tematici ci rimettono al nostro essere studenti nella società, in un cammino di consapevolezza di ciò che è bene e di ciò che è male, e della nostra responsabilità di giovani impegnati e in continua ricerca del miglioramento e del bene comune; i momenti di preghiera, il pomeriggio dedicato alle confessioni, alla riflessione personale e al dialogo con il Signore; le camminate nel bosco e la veglia all’Eremo; le pause e gli incontri nel chiostro, intrisi della bellezza delle nuove conoscenze e delle vecchie amicizie;  le prime serate organizzate da  programma, e le seconde serate improvvisate e goliardiche.

Ogni tanto abbiamo bisogno di trovare noi stessi, di confrontarci con altri, di cercare il Signore nella preghiera… in tutti questi casi le settimane di Camaldoli possono essere la risposta; e una volta vissute, sarà difficile poter dire ritornare a casa senza che le nostre aspettative siano state più che soddisfatte!

Matilde Boldrini - FUCI Rimini

Rate this item
(0 votes)

 

 

 

 

 

Seguici su Twitter

Seguici su YouTube

 

L'APP ufficiale della FUCI