A cura di Sergio Astori, ex fucino

 

 

L'ABC della F.U.C.I. 

Che cosa ha rappresentato per me la FUCI?

Mi limito all’ABC … le altre letterine mettetele voi, più giovani.

A come Amicizia: scoprire che gli amici veri sono quelli che salvano, cioè che ti tengono caro. Io ho incontrato tanta Amicizia in F.U.C.I.

B come Bene: la ricerca di senso allena a riconoscere la dignità personale e il capitale sociale.

Io ho incontrato tanto Bene in F.U.C.I.

C come Cura: prendersi a cuore, onorare la memoria, decodificare l’oggi, sperare il futuro.

Io ho incontrato tanta Cura in F.U.C.I.

Nei miei anni universitari, sei a medicina, quattro di specializzazione e quattro di dottorato, ho incontrato un gruppo umano, la F.U.C.I., che ha alimentato il desiderio di realizzarmi a pieno come persona, come professionista, come cittadino.

Un incontro fortunato.

Rate this item
(0 votes)

 

 

 

Seguici su Twitter

Seguici su YouTube

 

L'APP ufficiale della FUCI