Formazione alla politica

Formazione alla politica (16)

 

Benvenuti nella pagina della Commissione Formazione alla politica.

- Per vedere gli obiettivi annuali della Commissione clicca qui.

- Per conoscere e scrivere ai componenti della Commissione clicca qui.

- Per accedere all’archivio dei documenti clicca qui
- Per accedere all'archvio delle notizie clicca qui

a cura di Andrea Modica, R.A.F. membro della Commissione Formazione alla Politica

Condensare in un unico articolo il difficile rapporto tra i giovani, la politica e le sue istituzioni, sarebbe cosa eccessivamente lunga; un’attenta disamina dei rapporti sarà proposta durante tutto l’anno federativo con svariati focus inerenti l’argomento.
Il legame che intercorre tra giovani e politica è considerabile vitale per il futuro di un paese democratico, purtuttavia oggi giorno sembra che questo legame si stia affievolendo sempre di più. Gli adolescenti e i “giovani-più-giovani”, quelli di età compresa fra 15 e 24 anni, ma anche i “giovani-adulti”, fra 25 e 34 anni, esprimono un livello di fiducia davvero basso, anzi, minimo nei confronti dei principali attori e della più importante istituzione della democrazia rappresentativa. La sfiducia inoltre si estende anche allo Stato. Un disincanto acuto, che si è accentuato negli ultimi anni1. In generale quindi si avverte un aumentato disinteresse per le questioni politiche e per la partecipazione attiva; le cause, e le dinamiche, che hanno portato a questi risultati sono da ricercare nel proprio passato, ben analizzando ed interpretando quelle dinamiche societarie...

 

a cura di Davide Sabatini, R.A.F. membro della Commissione Formazione alla Politica

Questo documento intende focalizzarsi sulla proposta, contenuta nella mozione “Università come centro della vita fucina”, a non limitarsi “a vedere come fine ultimo dell’università il conseguimento di un esame, ma crescere assieme intrecciando i differenti ambiti, per formare cristiani attenti e cittadini consapevoli”. In questo inciso, infatti, è concentrata l’essenza della proposta intellettuale fucina, cui tradizionalmente ci si riferisce parlando di metodo e spirito fucino. Come tutti i concetti identitari, però, questi possono correre il rischio di assumere la veste di contenitori vuoti, cioè senza significato concreto, oppure - il che è lo stesso - che possano significare tutto, così potendo essere usurpati e usati all’occorrenza come artifici retorici. Parlarne adesso, dunque, sullo spunto dei personalissimi interrogativi stimolati da questa mozione, può consentire a ciascuno di contestualizzarli nella quotidianità della vita universitaria e verificarne...

 

a cura di Davide Sabatini, R.A.F. membro della Commissione Formazione alla Politica

Questo documento si propone di offrire spunti per una riflessione critica sul tema dei giovani e la politica, partendo dalla premessa fondamentale di capire chi, quanti e dove siano i giovani oggi. Nel corso della trattazione si è scelto di indicare in corsivo le citazioni, richiamandone la fonte una volta sola, nella bibliografia alla fine del documento, per rendere la lettura più scorrevole.

Digitando le parole “giovani Italia” su Google, fra i 48.200.000 risultati trovati, i primi 5 sono (a parte le sorprendenti offerte giovani di Alitalia) relativi alla crisi, demografica...

 

a cura di Andrea Modica, R.A.F. membro della Commissione Formazione alla Politica

Lo scorso 15 maggio ricorreva il trentesimo anniversario della nascita dell’European Region Action Scheme for the Mobility of University Students, o più comunemente noto come Erasmus, un programma decisivo per l’educazione dei giovani studenti, futura classe dirigente nonché cuore pulsante dell’Europa del futuro. A trent’anni dalla delibera, è necessario per gli universitari, ma soprattutto per noi fucini, voltarsi indietro e capire quanti e quali frutti ha dato il cammino percorso fin qui.

L’idea del progetto Erasmus nasce da un’intuizione di Sofia Corradi, dopo una disavventura capitatale nel 1958 presso lo sportello..

 

 

Desideriamo con questo documento sollecitare la Federazione tutta a una rinnovata sinergia che favorisca il lavoro di approfondimento e permetta la collaborazione tra i membri delle Commissioni Nazionali di studio e i fucini tutti.

Ci piacerebbe che si instaurasse un rapporto diretto e proficuo soprattutto con i presidenti di gruppo, principali intermediari dei lavori delle Commissioni con il gruppo; per questo abbiamo deciso di attrezzarci al meglio e condividervi alcuni strumenti di lavoro e informazioni:

  • I nomi e i contatti dei referenti delle Commissioni:

    -  Comm. Università: Lucia Gentile, Sara Lucariello e Gianmarco Mancini

    (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

    -  Comm. Cultura: Marialudovica Le Moli, Veronica Bonagura e Gabriella Serra

    (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

    -  Comm. Teologica: Massimiliano Puppi, Mara Tessadori e Luigi Santoro

    (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

    -  Comm. Formazione alla Politica: Andrea Modica, Davide Sabatini e Anna Del Bene

    (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

 

 

 

" Ad oggi, ci riconosciamo portatori di un'idea di Europa in crisi, ove la necessitá di recuperare lo spirito di vantaggio economico e sociale di allora diviene prerogativa sostanziale al fine di poter tornare a parlare di uno sviluppo reale degli scambi e delle relazioni, delle garanzie ai cittadini e del rapporto con gli stati esteri.

In questo giorno, a 60 anni dal giorno in cui ci si è visti insieme come qualcosa di piú, l'auspicio è quello di poter tornare a riconoscere le convenienze di un futuro nell'Unione Europea; di vedere ancora gli scambi commerciali e la circolazione dei cittadini in un'ottica di apertura e di scambio che va oltre alla mera innovazione tecnologico-economica di ciascuno stato, ma che abbraccia ancora una volta quei principi di cooperazione e sviluppo cui abbiamo tratto tesoro dai giorni dell'istituzione della CEE, perchè, si sottolinea, in quel momento non solo è stato fatto un passo avanti rispetto alla CECA, ma si è riconosciuta valida l'unità europea e vantaggiosa la ricerca di strumenti comuni per il bene di tutti. "

Per celebrare i 60 anni dei trattati di Roma, vi raggiungiamo con questo articolo a cura di Matilde Boldrini.

Buona lettura!

Con la mozione Orofino, noi giovani della F.U.C.I. abbiamo proprio scelto di approfondire la chiamata all'impegno politico.

Ma di quale politica vogliamo occuparci?

Sentiamo la necessità di ripartire dalle basi che generano il “fare politica”, perché solo un processo formativo che sensibilizzi al pensare l’altro nei suoi bisogni e desideri, nei valori e nei principi, attraverso cui successivamente progettare azioni politiche, può effettivamente generare il cambiamento che come cittadini auspichiamo.

Con questo semplice documento, auspichiamo di stimolare, tramite alcuni spunti e citazioni tratte da svariate fonti soprattutto del patrimonio comune della Dottrina Sociale della Chiesa, la riflessione dei singoli e dei gruppi attorno ad alcune parole, colonne portanti della buona politica

La commissione formazione alla politica si concentrerà quest’anno sui seguenti aspetti di ciascuna Mozione d’indirizzo presentata durante il Congresso Nazionale 2016 presso Chieti:

  • per la Mozione Baroni “Europa e Comunità, nel centenario dalla nascita di Aldo Moro”, quid est Europa?
  • per la Mozione Russo “Camminiamo, famiglie, continuiamo a camminare!”, la panoramica sulle politiche familiari in Italia e il tema della fedeltà come un peso o come una ricchezza, facendo partire la riflessione dal testo del Ddl Cirinnà;
  • per la Mozione Zanini “In pace con tutti gli uomini (Ecumenismo e Dialogo interreligioso), il pluralismo religioso e la laicità dello Stato e il tema dei diritti umani come prima palestra di dialogo ecumenico ed interreligioso;
  • per la Mozione Orofino “Parole nuove per ritrovarci cristiani in politica”, una riflessione sul linguaggio attuale della politica e l'esigenza di parole nuove;
  • per la Mozione Agnolin “Sulla valutazione dell’università”, i rischi e le opportunità derivanti dall’assegnazione dei finanziamenti alle Università in base alla loro valutazione.

La società cambia i suoi valori, le relazioni appaiono mutate nella loro essenza, ma in tutto ciò essere fedeli è ancora un aspetto rilevante?

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite questa mattina ha nominato all'unanimitá  Antonio #Guterres, ex primo ministro del Portogallo, prossimo Segretario Generale dell'Organizzazione. Guterres iniziava il suo impegno politico attivo proprio mentre frequentava il movimento cattolico #JUC (Juventude Universitária Católica), membro come la FUCI dell'organizzazione internazionale #PaxRomana IMCS-MEIC. Egli prenderá il posto dell'attuale segretario Ban Ki-moon il prossimo gennaio, per ora la FUCI gioisce per lui e prega per l'importante ruolo che si appresta a ricoprire. #ONU

Ripromoniamo un profilo del prossimo Segretario Generale dell'ONU apparso su internazionale.it

Pagina 1 di 2

66° Congresso Nazionale Pavia-Vigevano

Seguici su Twitter

Seguici su YouTube

 

L'APP ufficiale della FUCI