Cultura

Cultura (10)

 

Benvenuti nella pagina della Commissione Cultura.

- Per vedere gli obiettivi annuali della Commissione clicca qui.

- Per conoscere e scrivere ai componenti della Commissione clicca qui.

- Per accedere all’archivio dei documenti clicca qui
- Per accedere all'archvio delle notizie clicca qui

La Commissione Cultura propone alcune riflessioni sull'espressione dialogo interreligioso, considerata in una prospettiva cristiana.

La Commissione Cultura, in riferimento alla mozione Zanini "In pace con tutti gli uomini. Ecumenismo e dialogo interreligioso", descrive l'insegnamento della Chiesa Cattolica sul dialogo nell'arco di questi 50 anni.

 

Con la mozione Orofino, noi giovani della F.U.C.I. abbiamo proprio scelto di approfondire la chiamata all'impegno politico.

Ma di quale politica vogliamo occuparci?

Sentiamo la necessità di ripartire dalle basi che generano il “fare politica”, perché solo un processo formativo che sensibilizzi al pensare l’altro nei suoi bisogni e desideri, nei valori e nei principi, attraverso cui successivamente progettare azioni politiche, può effettivamente generare il cambiamento che come cittadini auspichiamo.

Con questo semplice documento, auspichiamo di stimolare, tramite alcuni spunti e citazioni tratte da svariate fonti soprattutto del patrimonio comune della Dottrina Sociale della Chiesa, la riflessione dei singoli e dei gruppi attorno ad alcune parole, colonne portanti della buona politica

Cosa significa un nuovo umanesimo oggi?


"La #società italiana si costruisce quando le sue diverse ricchezze #culturalipossono dialogare in modo costruttivo: quella popolare, quella accademica, quella giovanile, quella artistica, quella tecnologica, quella economica, quella politica, quella dei media... La Chiesa sia fermento di #dialogo, di #incontro, di #unità. Del resto, le nostre stesse formulazioni di fede sono frutto di un dialogo e di un incontro tra #culture, comunità e istanze #differenti. Non dobbiamo aver paura del dialogo: anzi è proprio il confronto e la critica che ci aiuta a preservare la teologia dal trasformarsi in ideologia.
Ricordatevi inoltre che il modo migliore per dialogare non è quello di parlare e discutere, ma quello di fare qualcosa insieme, di #costruire insieme, di fare progetti: non da soli, tra cattolici, ma insieme a tutti coloro che hanno buona volontà."
#PapaFrancesco a #Firenze2015

"A Parigi si è voluto avviare il processo di conquista del territorio europeo per collocare la prima pietra della Wilaya Europa, terra del Califfato. Non è una dichiarazione di guerra. E’ un atto di guerra. Sono ormai anni che si sta combattendo una guerra ibrida, cioè pervasiva, diffusa e delocalizzata, senza regole condivise tra i partecipanti che sono eserciti con o senza divisa, terroristi e criminali, media e tanti altri." Marco Lombardi, Università Cattolica-ISPI

#prayforParis

Cosa vuol dire “misericordia”?
“ [...] la misericordia nella Sacra Scrittura è la parola-chiave per indicare l’agire di Dio verso di noi. Egli non si limita ad affermare il suo amore, ma lo rende visibile e tangibile. L’amore, d’altronde, non potrebbe mai essere una parola astratta. Per sua stessa natura è vita concreta: intenzioni, atteggiamenti, comportamenti che si verificano nell’agire quotidiano. La misericordia di Dio è la sua responsabilità per noi.”1
Misericordia è la parola che abita la Scrittura, che dice la qualità dell’Amore di Dio. Questa parola diviene, per quanti ascoltano la Parola e intendono viverla come figli e fratelli, programma di vita poiché già segno concreto dell’agire del Padre. Del resto in ebraico il termine “dabar”, vuol dire parola, ma anche fatto, un evento.
I riferimenti etimologici recitano: “misericordia, sentimento per il quale la miseria altrui tocca il nostro cuore”, ed è così anche nella realtà della relazione con Dio. Misericordia è in tutta la Scrittura, tenerezza, fedeltà, promessa, alleanza nuova, partecipazione di Dio alle vicende dell’uomo, a cui Egli è legato dal desiderio di Amore, di Salvezza. Questo Amore, desiderante e fedele, dimentico del peccato, è intimità di Dio con l’uomo, fino a condividere con lui, misero (mancante, bisognoso), la condizione umana e la morte.
Questa riflessione prende spunto dai documenti che alleghiamo sul significato originario ed etimologico della parola “misericordia” in riferimento alla Scrittura, dunque in un’ottica di cammino ordinato che procede dall’Antico Testamento fino al Nuovo Testamento. I documenti, brevi ma densi, presentano spunti di riflessione e approfondimento circa il significato della Parola, ma anche circa il senso delle sue manifestazioni concrete nella Scrittura.

La commissione nazionale di studio cultura occupandosi della mozione Fornasiero 120 anni di storia fucina, si è interrogata sul valore #culturale della Federazione negli anni e sull'influenza della stessa sui fucini della varie generazioni. Il metodo scelto è quello dell'intervista e come primi testimoni della storia della Fuci sono stati scelti la professoressa Serena Marini, già Presidente Nazionale femminile dal 1970 al 1972, e il professore Rosario Sapienza, già Consigliere Centrale all'inizio degli anni '80.
Li ringraziamo per le loro preziose testimonianze e vi rimandiamo al link del sito nazionale per poter consultare le due interviste.

 

La costituzione di una Commissione Nazionale di Studio sulla Cultura risponde innanzitutto all’obiettivo di osservare ed analizzare gli elementi che possano ricondurre a unità la varietà e particolarità di saperi, strumenti di comunicazione, stili di vita che caratterizzano il nostro tempo. “La cultura, oggi, ha bisogno di collegare quanto è separato, di armonizzare le spinte centrifughe. Il luogo privilegiato per questa missione è l’università, sede di interfecondazione fra saperi molteplici e plurali”. Da studenti universitari ci poniamo alla ricerca di una visione d’insieme sull’uomo e sulla società, di una sintesi culturale che i saperi di oggi, frammentati nella ricerca del particolare, faticano a rintracciare. Primo obiettivo della Commissione è, quindi, concentrare l’attenzione della Federazione sulla sintesi culturale tra i diversi percorsi universitari, per analizzare il patrimonio comune di idee, valori e forme di pensiero che caratterizzano oggi la nostra Università e il nostro Paese.

Da studenti universitari cattolici, inoltre, ci proponiamo, anche attraverso il lavoro della Commissione, di inserirci pienamente nel dibattito culturale che si sviluppa all’interno della Chiesa, così come di analizzare il complesso, fecondo rapporto tra Chiesa e cultura contemporanea che, specialmente dopo il Concilio Vaticano II, è aperto a un dialogo profondo.

Da studenti impegnati nella cittadinanza ci proponiamo, infine, di concentrare la nostra attenzione sul patrimonio e il dibattito culturale italiani, tanto seguendo i principali sviluppi a livello legislativo, quanto osservando con attenzione lo sviluppo e la cura di arti e pensieri che arricchiscono il nostro Paese e l’andamento dell’industria culturale italiana ed europea.

Seguici su Twitter

Seguici su YouTube

 

L'APP ufficiale della FUCI